venerdì 25 ottobre 2013

Tu bussi alla porta...


Tu arrivi su questa terra
e fai appello, Gesù, alla nostra libertà.
Non sfondi le porte
della nostra esistenza,
non abbatti le barriere
che noi abbiamo innalzato
con i nostri sospetti ed i pregiudizi
nei tuoi confronti.
Tu bussi alla nostra porta
e attendi una risposta.

Accetti addirittura
di essere rifiutato, osteggiato,
cacciato, allontanato.
Per un motivo semplice:
tu ti sei fatto uomo per offrire
ad ogni uomo e ad ogni donna
un amore smisurato.
E l’amore non si impone,
non forza la risposta,
ma si presenta in tutta la sua
disarmante fragilità.

E tuttavia a quelli
che ti aprono la porta del cuore,
che ti accolgono nella loro casa,
che ti fanno posto nella loro esistenza
tu regali un'esperienza unica:
diventare i figli di Dio.
Non per diritto,
in base alla legge del sangue,
ma per grazia,
generati da un amore
che rimane per sempre
e del tutto immeritato.

Roberto Laurita

Nessun commento:

Posta un commento