venerdì 3 aprile 2015

Come partecipiamo a tanta sofferenza?

“Signore, quello che mi mandate di sofferenza, sì di anima che di corpo, io lo unisco alla vostra passione e morte. In tal modo anche le mie pene saranno giovevoli a quelle anime essendo alle vostre unite” 
(dall'Epistolariodi Elisabetta Vendramini n.622).

La lettera di Pasqua completa di Madre Maritilde Zenere, superiora generale delle suore Elisabettine si trova a questo link.

Nessun commento:

Posta un commento