domenica 6 marzo 2016

Dio mi serve?

Ritorno del figliol prodigo - Mattia Berti
Cari giovani,
non so perché, ma stamattina una delle cose che durante la lettura del Vangelo di oggi (Lc 15, 11-32 - una delle parabole della misericordia) non mi ha abbandonato era il pensiero di questo figlio che di sicuro puzzava parecchio, era stato a pascolare i porci, chissà che odore! Non aveva solo dilapidato ogni ricchezza, non si era ridotto ad uno straccione, con i vestiti lacerati, sporchi, ma doveva puzzare veramente tanto!!!

E in tutto questo il Padre non lo abbandona, gli corre incontro, lo bacia, lo abbraccia, gli si aggrappa al collo....perché non c'è sozzura, interiore od esteriore, che il Padre non accolga!

Il figlio era andato perché il padre gli serviva e invece il Padre lo serve, lo riveste, gli ridona la sua dignità filiale. Lo fa con il figlio minore, ma anche con il maggiore!

Un gioco di parole forse, ma ci fa capire quanto siamo fortunati, Dio ci ama sempre un passo oltre il nostro pensiero, la nostra aspettativa, soprattutto quando ci vergogniamo dei nostri peccati: basta ritornare a Lui.

Allora buona continuazione del cammino di Quaresima dietro al terzo Figlio...Gesù Cristo, Lui ci insegna la strada per andare al Padre! Leggete se avete voglia l'angelus di Papa Francesco di oggi.

Ogni Bene,
sr Anna :)

Nessun commento:

Posta un commento